Home > Attività > Slovenian Youth Convention from Friuli Venezia Giulia
 
Slovenian Youth Convention from Friuli Venezia Giulia

I rappresentanti dei giovani dei circoli dell’Australia, dell’Argentina, del Canada, del Belgio e della Svizzera, riuniti a Ottawa (Canada) dal 23 al 29 luglio 2010, confermano la loro volontà di mantenere e approfondire l’identità culturale trasmessa loro dalle generazioni che li hanno preceduti.

Da cittadini dei Paesi nei quali sono nati e nei quali vivono, confermano di sentirsi comunque parte della comunità Slovena del Friuli Venezia Giulia e di ritenersi coinvolti nella sua vita e nelle sue attività.

Ricordando le motivazioni che hanno portato alla nascita dell’Unione e cioé:

“Scuole nella nostra lingua e lavoro a casa”, vorrebbero contribuire nei limiti delle loro possibilità, a far sì che nella terra di origine dei nonni e dei genitori, la cultura slovena possa mantenersi e rafforzarsi.

Questa infatti è il punto di riferimento necessario ed indispensabile per tutte le nostre comunitá nel mondo.

A questo proposito, esprimono preoccupazione per l’impossibilita dei giovani delle valli del Natisone, Torre e Resia di trovare, ancora oggi, possiblitá di lavoro qualificato nella loro terra.

Analoga preoccupazione esprimono per le difficoltá nelle quali si trova l’unica scuola con insegnamento bilingue, italiano-sloveno, in provincia di Udine e per la quale tanto si sono impegnati anche i soci dei circoli dell’Unione nel mondo.

Invitano pertanto le autorità e le istituzioni compententi, a trovare, al più presto, una soluzione adeguata per la scuola bilingue di San Pietro al Natisone.

Riconoscono quanto sia prezioso il patrimonio di cultura e di valori che hanno ricevuto e si impegnano a trasmetterlo a loro volta, anche utilizzando le risorse che l’attuale tecnologia rende disponibili e soprattutto diventando sempre di piú animatori e protagonisti della vita dei circoli di appartenenza.

A tal fine e allo scopo di facilitare l’inserimento di altri loro coetanei nelle attività dei circoli, formulano le seguenti proposte che potrebbero avere anche immediata applicazione:

• Raccolta di interviste a persone slovene del Friuli Venezia Giulia nei vari circoli sulla loro esperienza di vita riguardo l’emigrazione.
Queste interviste andranno poi sottoposte al direttivo per un’eventuale pubblicazione sulla rivista “Emigrant”.

• Proporre ai soci la possibilitá di creare e condividere il loro albero genealogico tramite il sito www.myheritage.com.
A ogni partecipante al congresso è stato spiegato il funzionamento del sito affinchè possano essere un punto di riferimento per i membri dei propri circoli.

• Creazione di un formulario standard da sottoporre a soci e simpatizzanti per raccogliere dati da usare allo scopo di scoprire legami tra soci e simpatizzanti di vari Circoli

• Per il giorno dell’immigrante ogni circolo organizzi un’attività, eventualmente in collaborazione di altri circoli e poi cosi scrivere un articolo per la rivista “Emigrant”.

• Solidarietá verso altre comunitá locali che necessitano di aiuti (aiuti finanziari o aiuto con attivita varie) come per esempio la scuola di Rosario per bambini con disabilità uditiva.

• Organizzare regolarmente incontri con rappresentanti dei vari circoli UES a livello statale o continentale.

• Verificare la possibilità per scambio tra giovani di vari paesi tramite disponibilitá dei soci di ospitarli mutualmente per un determinato periodo di tempo. Esempio: ospitando un giovane dell’ UES di Lugano a Ottawa e poi viceversa.
Questo anche chiedendo la collaborazione finanziaria del servizio per i corregionali all’estero delle regione Friuli Venezia Giulia

• Aggiungere su sito web dell’UES collegamenti utili queli per esempio i siti dei comuni, associazione slovene, italki.com, myheritage.com, etc) e guide a tema (creazione guide responsabilitá Stefano)

• Creare sul sito una Chat (inserire modulo java con possibilita dell’implementazione della gestione degli utenti per evitare abusi) per permettere ai visitatori del sito dell’UES di chiacchierare online.

• Mettere a disposizione sul sito dell’unione i toponimi e il significato dei nomi di famiglia delle localita.

• Verificare possibile collaborazione con altre associazioni slovene o dell’area di Alpeadria presenti nei vari stati.

• Eventualmente organizzare manifestazioni culturali in Benecia, delle quale siano protagonisti appartenenti alle varie comunita di Sloveni del Fiuli Venezia Giulia nel mondo.

Nathan Carlig (Liegi), Stefano Lendaro (Lugano), Adrian Iezzi (Brisbane), Andrew Bratina (Diggers Rest), Vivian Floreancig (Melbourne), Juan Pablo Bobbera (Marcos Paz), Lorena Martin (Villa Ballester), Jimena Valdivieso (Mendoza), Ariel Tristan (Rosario), Ivana Pauletig (Vancouver), Marissa Kuper (Thunder Bay), Sphie Chauvin-Predan (Montreal), Carmela Prinzo (Ottawa), Robert Vogrig (Ottawa), Philippe Birtig (sede di Cividale)

Seguono alcune immagini dalla gallery, per vedere la gallery completa clicca qui:

 

 
SecurCube.Net

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . Biscotti impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information